Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2012

Il passero canterino

Il cielo è la sua dimora dove vive la sua libertà interiore, un giorno mentre vibrava leggero fece un incontro insolito, per lui che viveva ignorato. Era un usignolo dalla voce dolce le disse: perché tu non canti! Io non sono capace mormorò suvvia prova con me, lui provò ma uscirono solo sibili, non cosi disse l’usignolo, ascoltati i suoni. Della natura, sono le tue note conosciute, da quel giorno cantò insieme all’acqua, al vento, agli alberi, tutto era diventato il suono che dava a lui la voce.